×

Rugby Under 14: Siena manca per un soffio la vittoria al secondo appuntamento di stagione

Amara trasferta aretina per i giovani atleti della palla ovale senese.

Dopo un inizio pieno di belle speranze, che si concretizzano subito in 4 mete frutto di un gioco energico e volitivo, Arezzo, meno organizzato in campo e poco sicuro sui passaggi e sulla costruzione dell’attacco ma con capacità atletiche importanti, prende le misure ai nostri ragazzi e si inventa sul gioco al piede due mete che ci lasciano a bocca aperta.

Siena reagisce con confusione, senza organizzare come prima la circolazione di palla, perdendo i punti di riferimento e trovando con difficoltà occasioni di penetrazione.

Si va negli spogliatoi comunque con un buon 14-25 tutto da difendere, sperando che la breve pausa e qualche novità nello schieramento in campo consentano nella ripresa di riacquistare la concentrazione necessaria per portare a casa la prima vittoria di stagione.

Nel secondo tempo si vedono di nuovo buoni spunti, ma non si riesce a costruire continuità offensiva per bucare la difesa abbastanza compatta degli avversari. I nostri mancano non poche occasioni, mentre Arezzo, nonostante il possesso palla sia prevalentemente di Siena, approfitta e finalizza ogni errore.

Semplicemente i ragazzi aretini dimostrano di crederci di più. Provano a rincorrere, recuperare e superare un Siena che sembra invece aver deciso con troppo anticipo che la partita è già finita, e in una giornata in cui, grazie al lavoro settimanale in allenamento, le gambe e il fiato reggono di più, purtroppo è la testa a cedere.

Il rugby perdona tutto ma non di lasciarsi abbattere. Pretende che si lotti su ogni pallone, che si corra dietro a ogni avversario, potesse anche sembrare inutile, perché mai niente è perduto o vinto fino al fischio dell’arbitro.

Finisce così con un 38-37 a favore dei padroni di casa che brucia, ma da cui non si può che continuare a imparare.

Se da una parte possiamo essere soddisfatti della prestazione atletica dei nostri ragazzi, del loro aver trovato il fiato per correre in sostegno del compagno e la forza per difendere il possesso palla nei punti d’incontro, cosa che solo due settimane fa a Firenze sembrava ancora lontana, ora resta davanti a loro la sfida più difficile da affrontare: trovare la serenità per dare il tutto per tutto e la maturità per credere di meritarsi, come meritano, di vincere, senza farsi condizionare dagli errori, dal risultato in campo e tanto meno dai comportamenti poco coerenti con la realtà del rugby che ieri non sono purtroppo mancati sugli spalti.

Link con tutte le foto

Author

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*