×

Buona la prima,vittoria in casa contro Valorugby Emilia per 17-16

Buona la prima, Banca CRAS CUS Siena Rugby non stecca!!

 

80 minuti di battaglia vera quelli andati in scena al “Sabbione” davanti ad un nutrito pubblico per l’esordio stagionale dei seniores bianconeri; il secondo campionato di Serie B è partito con una partita molto dura sulla carta per i senesi, che hanno ospitato la squadra cadetta di una formazione che ha un lungo e glorioso palmares e che attualmente milita nel massimo campionato italiano, il Valorugby Emilia.

Francesco Sacrestano ha chiesto ai suoi giocatori di applicare un metodo di gioco il più lineare possibile senza forzare contro avversari di rilievo assoluto e ha lavorato moltissimo sulla difesa per arginare gli attacchi della cadetta reggiana, in realtà la “vecchia” Amatori Parma che a Siena ha sempre trovato pane per i suoi denti.

La squadra allenata da Antonio Zanichelli, tecnico che ha portato in massima serie il Verona, e dall’ex tallonatore di Zebre e nazionale Andrea Manici, cresciuto proprio nel vivaio dell’Amatori, si è presentata in campo convinta di fare bottino pieno ed è stato ben visibile lo sconcerto di tutti i giocatori quando al 3° minuto è stato Bartoli a schiacciare la palla in meta per il 7-0 iniziale senese grazie alla trasformazione di Gembal.

Sul ribaltamento di campo sono stati gli ospiti a dare dimostrazione del proprio potenziale, creando una meta in velocità che ha sorpreso la difesa cussina per il 7-5.

Gli emiliani si sono poi portati avanti per 7-8 grazie ad una punizione calciata da posizione centrale; è stato il primo segnale di timore nei confronti dei senesi visto che tutti si sarebbero aspettati il calcio in touche per cercare la meta.

La fase centrale della prima frazione è stata molto equilibrata e solo allo scadere dei primi 40 minuti i bianconeri del Banca CRAS CUS Siena si sono riportati avanti per 10-8 con una punizione di Gembal.
Nell’intervallo Francesco Sacrestano ha chiesto più attenzione ai suoi ragazzi e Capitan Carmignani, all’esordio in questo ruolo, ha tranquillizzato i compagni chiedendo di dare il massimo nella seconda frazione di gioco.

Al 9° minuto del secondo tempo sono però stati ancora gli emiliani ad andare a segno al termine di un’azione manovrata in maniera perfetta ed allungando sul 10-16 grazie ad una nuova punizione qualche minuto dopo.

I senesi però, duramente colpiti, hanno iniziato ad attaccare aggrappandosi alla potenza della propria mischia ed hanno schiacciato a lungo gli ospiti nei 22 metri difensivi.

Il fortino del Valorugby ha retto fino a che, complice un cartellino giallo ad un avanti per fallo ripetuto, i senesi da touche hanno realizzato la meta del sorpasso grazie alla segnatura di Mezzetti ed alla trasformazione molto angolata di Gembal. 17-16 a 10 minuti dal termine si sono tradotti in una serie di attacchi non troppo lucidi degli ospiti respinti in maniera perfetta dai senesi. A tempo scaduto una ennesima mischia ordinata in cui i senesi hanno guadagnato una punizione ed il conseguente possesso di palla  si è tradotta in un calcio fuori di Gembal e nell’urlo dei ragazzi del Sabbione.

Una vittoria meritata da quei ragazzi che sono legati dal rapporto amore/odio al Sabbione, una vittoria che premia il lavoro di un tecnico che ha dato gioco ed anima ad una formazione che mai aveva dato una tale dimostrazione di forza contro avversari di questo livello.

Francesco Sacrestano e Paolo Carmignani, il Capitano, a fine partita non stavano nella pelle dalla gioia per un risultato per molti inaspettato ma non per loro.

Buona la prima, Banca CRAS CUS Siena Rugby non stecca!!

 

80 minuti di battaglia vera quelli andati in scena al “Sabbione” davanti ad un nutrito pubblico per l’esordio stagionale dei seniores bianconeri; il secondo campionato di Serie B è partito con una partita molto dura sulla carta per i senesi, che hanno ospitato la squadra cadetta di una formazione che ha un lungo e glorioso palmares e che attualmente milita nel massimo campionato italiano, il Valorugby Emilia.

Francesco Sacrestano ha chiesto ai suoi giocatori di applicare un metodo di gioco il più lineare possibile senza forzare contro avversari di rilievo assoluto e ha lavorato moltissimo sulla difesa per arginare gli attacchi della cadetta reggiana, in realtà la “vecchia” Amatori Parma che a Siena ha sempre trovato pane per i suoi denti.

La squadra allenata da Antonio Zanichelli, tecnico che ha portato in massima serie il Verona, e dall’ex tallonatore di Zebre e nazionale Andrea Manici, cresciuto proprio nel vivaio dell’Amatori, si è presentata in campo convinta di fare bottino pieno ed è stato ben visibile lo sconcerto di tutti i giocatori quando al 3° minuto è stato Bartoli a schiacciare la palla in meta per il 7-0 iniziale senese grazie alla trasformazione di Gembal.

Sul ribaltamento di campo sono stati gli ospiti a dare dimostrazione del proprio potenziale, creando una meta in velocità che ha sorpreso la difesa cussina per il 7-5.

Gli emiliani si sono poi portati avanti per 7-8 grazie ad una punizione calciata da posizione centrale; è stato il primo segnale di timore nei confronti dei senesi visto che tutti si sarebbero aspettati il calcio in touche per cercare la meta.

La fase centrale della prima frazione è stata molto equilibrata e solo allo scadere dei primi 40 minuti i bianconeri del Banca CRAS CUS Siena si sono riportati avanti per 10-8 con una punizione di Gembal.
Nell’intervallo Francesco Sacrestano ha chiesto più attenzione ai suoi ragazzi e Capitan Carmignani, all’esordio in questo ruolo, ha tranquillizzato i compagni chiedendo di dare il massimo nella seconda frazione di gioco.

Al 9° minuto del secondo tempo sono però stati ancora gli emiliani ad andare a segno al termine di un’azione manovrata in maniera perfetta ed allungando sul 10-16 grazie ad una nuova punizione qualche minuto dopo.

I senesi però, duramente colpiti, hanno iniziato ad attaccare aggrappandosi alla potenza della propria mischia ed hanno schiacciato a lungo gli ospiti nei 22 metri difensivi.

Il fortino del Valorugby ha retto fino a che, complice un cartellino giallo ad un avanti per fallo ripetuto, i senesi da touche hanno realizzato la meta del sorpasso grazie alla segnatura di Mezzetti ed alla trasformazione molto angolata di Gembal. 17-16 a 10 minuti dal termine si sono tradotti in una serie di attacchi non troppo lucidi degli ospiti respinti in maniera perfetta dai senesi. A tempo scaduto una ennesima mischia ordinata in cui i senesi hanno guadagnato una punizione ed il conseguente possesso di palla  si è tradotta in un calcio fuori di Gembal e nell’urlo dei ragazzi del Sabbione.

Una vittoria meritata da quei ragazzi che sono legati dal rapporto amore/odio al Sabbione, una vittoria che premia il lavoro di un tecnico che ha dato gioco ed anima ad una formazione che mai aveva dato una tale dimostrazione di forza contro avversari di questo livello.

Francesco Sacrestano e Paolo Carmignani, il Capitano, a fine partita non stavano nella pelle dalla gioia per un risultato per molti inaspettato ma non per loro.

A fine partita il terzo tempo è stato consumato in clima molto sereno sotto ai gazebo visto che al momento non ci sono strutture per ospitare tifosi, giocatori e avversari. Ma questa è un’altra storia, oggi c’è spazio solo per i festeggiamenti per la vittoria!

Gli altri risultati: Livorno Rugby 1931 – Imola Rugby 49-17 (pt 5-0); Modena Rugby -Rugby Jesi 70 31-10 (pt 5-0) Capitolina cad – Lions Amaranto Livorno 10-13(pt 1-4), Rugby Parma – Florentia 19-20 (pt 1-4) Cus siena 17 valorugby 16 (pt 4-1)

A fine partita il terzo tempo è stato consumato in clima molto sereno sotto ai gazebo visto che al momento non ci sono strutture per ospitare tifosi, giocatori e avversari. Ma questa è un’altra storia, oggi c’è spazio solo per i festeggiamenti per la vittoria!

Gli altri risultati: Livorno Rugby 1931 – Imola Rugby 49-17 (pt 5-0); Modena Rugby -Rugby Jesi 70 31-10 (pt 5-0) Capitolina cad – Lions Amaranto Livorno 10-13(pt 1-4), Rugby Parma – Florentia 19-20 (pt 1-4) Cus siena 17 valorugby 16 (pt 4-1)

Link con tutte le Foto

Author

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*